Le storie sono la geografia del nostro territorio

Iscriviti alla newsletter privata che racconta gli spazi dove abiti.
Email
Nome
Cognome
Cellulare (per ricevere il pdf del Magazine)
Home / Emanuele Pezzo / Nicola Liviero, una vita tra snowboard e altre meraviglie
Foto di Alessandro Benussi

Nicola Liviero, una vita tra snowboard e altre meraviglie

Nicola Liviero è un ragazzo di 17 anni diverso dai propri coetanei: studia all’istituto politecnico di Castelletto di Brenzone, ma passa gran parte della settimana ad allenarsi sulla neve per portare in alto i colori azzurri con la nazionale italiana di snowboard.

Levare i piedi da terra per tornarci il più tardi possibile. E magari dopo averli fatti roteare assieme, paralleli, dietro e sopra la testa, da un lato all’altro del proprio corpo, a 360 gradi e più, incollati ad una tavola. Questa è la vita di Nicola Liviero, veronese di Albarè non ancora diciottenne e membro della nazionale italiana di snowboard.
Già nella squadra di Coppa Europa, questa stagione Nicola ha avuto l’opportunità di gareggiare in prove di Coppa del Mondo. L’obiettivo di stagione è arrivare fra i primi tre della classifica continentale, con accesso illimitato al circuito più importante per la prossima stagione.
«Ho scelto lo snowboard – ci dice Liviero – perché amo il suo ambiente, che vuol dire girare il mondo e conoscere sempre gente nuova. C’è competizione, ma non esasperata: quando hai saltato ti fermi e fai il tifo per l’avversario a cui tocca dopo di te».

Foto di Lorenzo Fizza Verdinelli

 

Il campione veronese si allena quattro, a volte cinque giorni a settimana sull’Alpe di Siusi, dove la nazionale ha una convenzione con la stazione sciistica. Le sue specialità sono il Big Air e lo Slopestyle, quest’ultimo entrato nel programma olimpico da Sochi 2014. Spiega Nicola: «Ho scelto il freestyle perché mi diverte di più, anche se è più difficile emergere. È una continua evoluzione: non si smette mai di imparare nuovi “trick” (le evoluzioni con la tavola, ndr) e gli allenamenti sono sempre diversi. Quando ero piccolo facevo anche slalom, ma non vedevo l’ora di cambiare tavola».
E la scuola? Nicola studia amministrazione, finanza e marketing e, spesso assente per allenamenti e gare, è costretto a veri tour de force di studio quando non ha la tavola ai piedi. E sa bene quanto sia dura: «Il primo quadrimestre è andato bene, ma ora che la stagione entra nel vivo arriva il difficile…». Nulla di impossibile, però, per chi rimane in aria a vorticare con una tavola ai piedi.

Emanuele Pezzo

Emanuele Pezzo

Pubblicista dal 2014, inizia a collaborare con Pantheon nell'autunno dello stesso anno, partendo con articoli di argomenti vari. È appassionato di sport e cerca di seguirlo nelle sue molteplici forme; dal 2006 ne scrive per testate cartacee e online. Quando possibile cerca pure di praticarlo, sempre e solo per puro divertimento. Ama il cinema, soprattutto quello horror e di fantascienza, non disdegna le serie tv, adora i fumetti italiani e la musica rock alternativa.
Emanuele Pezzo

Le storie sono la geografia del nostro territorio

Iscriviti alla newsletter privata che racconta gli spazi dove abiti.
Email
Nome
Cognome
Cellulare (per ricevere il pdf del Magazine)

Check Also

vigili-fuoco-centro-italia

Vigili del Fuoco “Postini della Solidarietà”

I vigili del fuoco veneti, presenti a Camerino in missione, si sono improvvisati “postini della …

ISCRIVITI QUI

"per ricevere le newsletter con tutte le novità del territorio"

Email
Nome
Cognome
Cellulare (per ricevere il pdf del Magazine)
Secure and Spam free...